La nostra selezione di vini DOP

Lo Slow Food è iniziato in Italia con la fondazione della sua organizzazione precursore, Arcigola, nel 1986 per resistere l’apertura di un McDonald vicino Piazza di Spagna a Roma. Nel 1989, il manifesto di fondazione del movimento internazionale Slow Food è stato firmato a Parigi, Francia da delegati provenienti da 15 paesi.

Il suo cuore è lo scopo di promuovere la produzione di cibi locali e gastronomia e cibi tradizionali. Al contrario questo significa un’opposizione al fast food, la produzione alimentare industriale e la globalizzazione.

Robust

Nel contesto della produzione di vino, il terroir è un concetto che racchiude le varietà di uve utilizzate, l’elevazione e la forma del vigneto, il tipo e la chimica del suolo, il clima e le condizioni stagionali, e le colture di lievito locali. [55] La gamma di possibili combinazioni di questi fattori possono provocare grandi differenze tra vini.

Robust

Naoussa

La degustazione del vino è l’esame sensoriale e la valutazione del vino. I vini contengono molti composti chimici simili o identici a quelli di frutta, verdura e spezie. La dolcezza del vino è determinata dalla quantità di zucchero residuo nel vino dopo la fermentazione, rispetto alla acidità presente nel vino. vino secco, per esempio, ha solo una piccola quantità di zuccheri residui.

Naoussa

Thalia

Alcune etichette di vini suggeriscono di aprire la bottiglia e lasciando che il vino “respirare” per un paio d’ore prima di servire, mentre altri raccomandano di bere immediatamente. Decantazione (l’atto di versare un vino in un contenitore speciale solo per la respirazione) è un argomento controverso tra gli appassionati di vino.

Thalia

The tear of the pine

Durante l’aerazione, l’esposizione di un vino più giovane all’aria spesso “si rilassa”, la bevanda, rendendola più liscia e meglio integrato in aroma, consistenza e sapore. vini più vecchi generalmente “Fade” (perdono il loro carattere e l’intensità di sapore) con aerazione prolungata.

The tear of the pine

Grand Reserve

La temperatura ideale per servire un vino particolare, è una questione di dibattito, ma alcuni indirizzi di massima sono emerse che in generale migliorare l’esperienza di degustare alcuni vini comuni. Un vino bianco dovrebbe favorire un senso di freschezza, raggiunto da servire a “temperatura cantina” (13 ° C [55 ° F]). vini rossi leggeri bere giovane dovrebbero essere portati a tavola a questa temperatura, dove potranno salire rapidamente di qualche grado.

Grand Reserve

Quando degustazione di vini, sapori individuali possono essere rilevati, a causa della complessa miscela di molecole organiche (ad esempio esteri e terpeni) che il succo d’uva e il vino possono contenere. assaggiatori esperti possono distinguere tra sapori caratteristici di un chicco d’uva specifica e sapori che derivano da altri fattori nella vinificazione. Tipici elementi sapore intenzionali nel vino-cioccolato, vaniglia, o caffè-sono quelli influenzati da invecchiamento in botti di rovere, piuttosto che l’uva in sé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *