Il nostro menu per il pranzo

Lo Slow Food è iniziato in Italia con la fondazione della sua organizzazione precursore, Arcigola, nel 1986 per resistere l’apertura di un McDonald vicino Piazza di Spagna a Roma. Nel 1989, il manifesto di fondazione del movimento internazionale Slow Food è stato firmato a Parigi, Francia da delegati provenienti da 15 paesi.

Il suo cuore è lo scopo di promuovere la produzione di cibi locali e gastronomia e cibi tradizionali. Al contrario questo significa un’opposizione al fast food, la produzione alimentare industriale e la globalizzazione.

Slow Food 3

L’organizzazione Slow Food si è ampliata per includere più di 100.000 membri con filiali in oltre 150 paesi. Esistono oltre 1.300 capitoli conviviali locali. 360 conviviale in Italia – che reca il nome condotta (singolare) / Condotte (plurale) si applica – sono composti di 35.000 membri, insieme a 450 altri capitoli regionali in tutto il mondo. La struttura organizzativa è decentrata: ogni convivium ha un leader che è responsabile della promozione artigiani locali, gli agricoltori locali e sapori locali attraverso eventi regionali come Laboratori del Gusto, degustazioni, e mercati degli agricoltori.

Slow Food 2

Uffici sono stati aperti in Svizzera (1995), Germania (1998), New York (2000), la Francia (2003), Giappone (2005), il Regno Unito e Cile. società ha sede generale si trova a Bra, nei pressi di Torino, Italia. Numerose pubblicazioni sono messi fuori dall’organizzazione, in diverse lingue in tutto il mondo. I recenti sforzi a pubblicità includono cibo e il vino più grande fiera del mondo, il Salone del Gusto di Torino, una fiera del formaggio biennale a Bra chiamato formaggio, la sagra del pesce genovese chiamato Slow Fish, e di Torino Terra Madre (“Madre Terra”) Incontro Mondiale delle comunità del cibo.
Nel 2004, Slow Food ha aperto una Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, in Piemonte, e Colorno, in Emilia-Romagna, Italia. Carlo Petrini e Massimo Montanari sono i protagonisti della creazione dell’Università, il cui obiettivo è quello di promuovere la consapevolezza del buon cibo e della nutrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *